Creature fantastiche, naturalismo e ascendenze classiche nella miniatura del Rinascimento italiano

Federica Toniolo

Resum


Le creature fantastiche della pittura di Bosch sono state messe in relazione con le drôlerie dei manoscritti miniati medievali. Dopo alcune riflessioni preliminari sulla diversa concezione del margine in età tardogotica e rinascimentale, verranno prese in considerazione alcune consuetudini illustrative dei fregi nei codici italiani del Rinascimento. In essi i margini, seguendo la mise en cadre di Leon Battista Alberti, divengono vere e proprie cornici architettoniche della miniatura figurata. Natura e antico popolano i margini e costituiscono l’aspetto più originale della miniatura del Rinascimento italiano. Alcuni miniatori tuttavia, quali Antonio da Monza e Matteo da Milano, attingono all’immaginario fantastico medievale, coniugandolo alla decorazione a grottesca di antico retaggio.

Paraules clau


manoscritti miniati; creature fantastiche; Rinascimento; Medioevo; grottesche

Text complet:

PDF (Italiano)

Referències


Alexander, Jonathan J. G. «La miniatura da Ercole I ad Alfonso I», F. Toniolo (ed.): La miniatura a Ferrara. Dal tempo di Cosmè Tura all’eredità di Ercole de’ Roberti (catalogo della mostra Ferrara, Palazzo Schifanoia, 1 Marzo – 31 Maggio 1998), Modena, Franco Cosimo Panini, 1998, pp. 295-297.

Alexander, Jonathan J. G. «Matteo da Milano, Illuminator», Pantheon, vol. 50, 1992, pp. 32-45.

Alexander, Jonathan J. G. (ed.): The Painted page. Italian Renaissance Book Illumination 1450-1550, catalogue of exhibition, London - New York 1994-1995, Munich, Prestel Verlag, 1994.

Bacchi, Andrea; Bentivoglio Ravasio, Beatrice e Raffaella; De Marchi, Andrea; Pettenati, Silvana, Francesco Marmitta, Torino, Umberto Allemandi, 1995.

Baltrušaitis, Jurgis, Il Medioevo fantastico. Antichità ed esotismi nell'arte gotica, Adelphi Edizioni, Milano 1993 (Paris, 1972).

Bentivoglio Ravasio Beatrice, «Aspertini Amico (Amicus, Amico Bolognese, Amico di Spartini, Spertini, Sperti, Speltini, Maestro Amico)», Milvia Bollati (ed.): Dizionario Biografico dei miniatori italiani, Milano, Edizioni Sylvestre Bonnard, 2004, pp. 46-50.

Bentivoglio Ravasio, Beatrice, «Gaspare da Padova o Padovano detto Gaspare Romano/Maestro dell'Omero Vaticano», Milvia Bollati (ed.): Dizionario Biografico dei miniatori italiani, Milano, Edizioni Sylvestre Bonnard, 2004, pp. 543-546 pp. 251-258.

Camille, Michaiel, Image on the Edge. The Margins of Medieval Art, Chicago, The Univeristy of Chicago Press, 1992.

Casciaro, Raffaele, «Note su Antonio da Monza miniatore», Prospettiva, voll. 75-76, 1994, pp. 109-123.

Castiglioni, Gino, «Primo Quattrocento, il Tardogotico», Gino Castiglioni (ed.): La Parola illuminata. Per una storia della miniatura a Verona e a Vicenza tra Medioevo e età romantica, Verona, Fondazione Cariverona, 2011, pp. 91-137.

De La Mare, Albinia C.; Nuvoloni, Laura, Bartolomeo Sanvito. The life and the work of a Renaissance scribe, Paris, Association Internationale de Bibliophilie, 2009.

Faietti, Marzia; Nesselrath, Arnold, «Bizar più che reverso di medaglia. Un codex avec grotesques, monstres et ornaments de jeune Amico Aspertini», Revue de l'art, vol. 107, 1995, pp. 44-88.

Faietti, Marzia; Scaglietti Kelescian, Daniela, Amico Aspertini, Modena, Artioli, 1995.

Fumian, Silvia, «Considerazioni in Margine al Plauto Gonzaga», Rivista di Storia della miniatura, vol. 13, 2009, pp. 120-128.

Hermann, Hermann J., La miniatura estense ed. De Federica Toniolo, Modena, Franco Cosimo Panini, 1994, pp. 165-191.

Herman, Nicholas, «Excavating the page: virtuosity and illusionism in Italian book illumination, 1460-1520», Word and Image, vol. 27, 2011, pp. 190-211.

I manoscritti miniati della Biblioteca Capitolare di Padova, a cura di Giordana Mariani Canova, Marta Minazzato, Federica Toniolo, Padova, Istituto di Storia Ecclesiastica padovana, 2004, (Fonti e ricerche di Storia Ecclesiastica padovana, XXXVII).

I tesori della Biblioteca Estense Modena, Firenze, Nardini Editore, 1987 (Le grandi biblioteche d'Italia).

Lepape, Séverine (ed.): Les origines de l'estampe en Europe du Nord. 1400-1470, (catalogo della mostra, Paris, Musée du Louvre, 2013), Paris, Louvre èdition, 2013.

Limentani Virdis, Caterina (ed.), Codici miniati fiamminghi e olandesi, Vicenza, Neri Pozza Editore, 1981.

Limentani Virdis, Caterina, «Settantamila veli di luce e di ombra», Le delizie dell'inferno. Dipinti di Jheronimus Bosch e altri fiamminghi restaurati, catalogo della mostra, Venezia, Palazzo Ducale, maggio-agosto 1992, Il Cardo, Venezia 1992, pp. 15-50.

Lollini, Fabrizio, «Matteo da Milano», Milvia Bollati (ed.): Dizionario biografico dei miniatori italiani, Milano, Edizioni Sylvestre Bonnard, 2004, pp. 742-746.

Medica, Massimo, (ed.): Il libro d'ore di Bonaparte Ghislieri, Modena, Franco Cosimo Panini Editore, 2008.

Natale, Mauro; Romano, Serena (dir.), Arte lombarda dai Visconti agli Sforza. Milano al centro dell'Europa, (catalogo della mostra, Milano, Palazzo Reale, 2015), Ginevra-Milano, Skira, 2015.

Nicolini, Simonetta «Maestro della Novella», Milvia Bollati (ed.): Dizionario Biografico dei miniatori italiani, Milano, Edizioni Sylvestre Bonnard, 2004, pp. 543-546.

Quattrini, Cristina «Antonio da Monza», Milvia Bollati (ed.): Dizionario Biografico dei miniatori italiani, Milano, Edizioni Sylvestre Bonnard, 2004, pp. 29-32.

Reiss, Sheryl E., Cardinal Giulio de' Medici's 1520 Berlin missal and other works by Matteo da Milano, «Jahrbuch der Berliner Museen», vol. 33, 1991, pp. 107-128.

Romano, Cristina, Matteo da Milano, miniatore (e pittore?). Gli esordi e l'affermazione nel contesto della corte sforzesca, Tesi di dottorato in storia dell'arte, XXV ciclo, Università degli Studi di Udine, 2012/2013.

Rosenberg, Charles M., «The influence of northern graphics on painting in Renaissance Ferrara: Matteo da Milano», Musei Ferraresi, vol. 15, 1985/1987, pp. 61-74.

Rossi, Marco, Giovannino de Grassi. La corte e la cattedrale, Cinisello Balsamo (MI), Silvana Editoriale 1995.

Peter Schmidt, «Der Kupferstiche des Meisters E. S. zur Wallfahrt nach Einsiedeln. Einige Uberlegungen zum Publikum, Programm und Kontext», Stephan Füssel, Gert Hübner e Joachim Knape (ed.): ARTIBVS. Kultuwissenschaft und deutsche Philologie des Mittelalters und der frühen Neuzeit. Festschrift für Dieter Wuttke zum 65. Geburtstag, Wiesbaden, Harrassowitz, 1995, pp. 293-312.

Thoss, Dagmar, Flämische Buchmalerei Handschriftenscätze aus dem Burgunderreich, Graz, Akad. Druck-u.Verlagsanst., 1987, cat. 14.

Toniolo, Federica ,La Bibbia di Borso d’Este. Cortesia e magnificenza a Ferrara tra Tardogotico e Rinascimento, in La Bibbia di Borso d’Este. Commentario al Codice, 2 voll, II, Modena, Franco Cosimo Panini, 1997, pp. 295-573.

Toscano, Gennaro, Gaspare da Padova e la diffusione del linguaggio mantegnesco tra Roma e Napoli, in Andrea Mantegna. Impronta del genio, Convegno internazionale di studi, Padova, Verona, Mantova, 8-10 Novembre 2006, 2 voll, I, Firenze, Leo S. Olschki, 2010, pp. 363-396.

Walther, Ingo F. ; Wolf, Norbert, Masterpieces of Illumination. The world's most beautiful illuminated manuscripts from 400 to 1600, Köln, Taschen, 2005.




DOI: http://dx.doi.org/10.1344/Materia2016.10-11.2

Enllaços refback

  • No hi ha cap enllaç refback.




Copyright (c)

RCUB revistesub@ub.edu Avís Legal RCUB Universitat de Barcelona