Corpi geopolitici: confini italiani a sud e a est, frontiere sessuate e narrazioni transnazionali

Les Îles Postexotiques .

Resum


A partire dalle storie del secondo dopoguerra di territori frontalieri a Nord-Est e a Sud d'Italia, ci proponiamo di riattraversare la geografia simbolica dello Stato italiano e di trasformare i concetti di Sud, Est, periferia, frontiera, per come sono stati prodotti e utilizzati dalle autorità accademiche e istituzionali. Assumere un posizionamento minoritario permette di riconoscere la propria posizione strategica e di contraddire la pressione virile del/la capitale. La messa in relazione delle storie di territori frontalieri evidenzia la necessità di decostruire le divisioni (Nord/Sud, Est/Ovest, uomo/donna, centro/periferia…) che marcano profondamente gli immaginari collettivi e dis-orientano, incitando a nuovi spostamenti verso le/i capitali/e del Nord e Ovest Europa.

Paraules clau


frontiere sessopolitiche; Ovest/Est Europa; Nord/Sud Italia; pratiche artistiche transnazionali; autoantropologia

Text complet:

PDF (Italiano)


DOI: http://dx.doi.org/10.1344/

Enllaços refback

  • No hi ha cap enllaç refback.


Creative Commons License

EDITEN: GRC Creació i Pensament de les Dones (Universitat de Barcelona) i GRC Cos i Textualitat (Universitat Autònoma de Barcelona)

RCUB revistesub@ub.edu Avís Legal RCUB Universitat de Barcelona