Le filosofe e i maestri. Quel che non abbiamo raccontato

Marisa Forcina

Resum


Il saggio mostra un altro modo possibile di intendere il rapporto con i maestri. La tesi è che il rapporto di autorità non è, non deve essere vincolato all’uniformità, a un modello unico da conservare in maniera indifferenziata. Deve essere tale da aprire alla libertà dell’altro e costruire la sua autonomia. Il vero maestro è in grado da far dimenticare gli sforzi e le fatiche che hanno aperto alla libertà dell’altro, che non deve porsi nella condizione di eterno debitore e allievoripetitore. Attraverso la lettura di Péguy, la riflessione comune all’interno della Scuola Estiva della Differenza, la prossimità con Françoise Collin, la relazione tra le filosofe e i maestri non trova il suo inveramento in una incondizionata libertà né in una necessità vincolante e sottocondizione, ma trova la sua vitalità in un punto di realtà che è il lavoro ben fatto.


Paraules clau


Filosofe, maestro, discepolato, autorità, pensiero della differenza, Péguy, Collin

Text complet:

PDF (Italiano)


DOI: http://dx.doi.org/10.1344/105.000002453

Enllaços refback

  • No hi ha cap enllaç refback.


Creative Commons License

EDITEN: GRC Creació i Pensament de les Dones (Universitat de Barcelona) i GRC Cos i Textualitat (Universitat Autònoma de Barcelona)

RCUB revistesub@ub.edu Avís Legal RCUB Universitat de Barcelona