The experience of the New Stakeholders Programme in Italy

Lisa Parola

Resumen


Questo testo viene pubblicato a 20 anni di attività di a.titolo, uno dei primi collettivi curatoriali italiani orientato all’arte nella sfera pubblica. I progetti che abbiamo curato dal 1997 ad oggi ci hanno permesso di mettere a punto una metodologia e un orientamento teorico specifici che stanno ripensando il fare nel comune e le sue infinite declinazioni in questi decenni. Tra gli strumenti più efficaci e visibili nelle strategie di promozione del patrimonio nazionale infatti, l’arte si trova negli ultimi decenni inserita tra le politiche turistiche e culturali di un ampio numero di amministrazioni pubbliche. Chiamata in causa come protesi dell’architettura o del disegno urbano, è invitata a spostarsi dallo spazio chiuso dei musei e delle gallerie alla strada, alla piazza, al giardino, mantenendo intatta la sua definizione. Nella città-impresa all’arte è spesso delegata la “spettacolarizzazione” del contesto urbano – nella logica del grande evento – finalizzata alla formazione di una “clientela”, dimenticando il suo valore civico e culturale. Ma se la città diviene prodotto, cosa ci guadagna la comunità locale coinvolta in queste nuove forme della politica pubblica?

Palabras clave


arte pubblica; sfera pubblica; partecipazione; collaborazione; esporre

Texto completo:

PDF (Italiano)

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.


Licencia de Creative Commons
Este obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento 4.0 Internacional.
RCUB revistesub@ub.edu Avís Legal RCUB Universitat de Barcelona