Per una pietà a-venire. Derrida e Zambrano

Pina De Luca

Resum


«Il faut trembler», dice Derrida, e a dover tremare come per un terremoto sono le costruzioni del pensiero. Accade che queste, tremando, rovinino le une sulle altre e a quel punto ciò che prende forma è qualcosa di assolutamente nuovo e imprevisto: un fantasma.
Sono spettri, fantasmi, dice Derrida, quelli che si generano «una volta che l’idea o il pensiero (si) sono staccati dal loro substrato».Essi non ripetono ciò che già è stato ma sono nuovo corpo, un corpo misto e plurale perché a costituirlo sono parti – idee o pensieri – di diversa provenienza. L’ipotesi del saggio è far tremare la riflessione di Derrida sull’ospitalità e quella di Zambrano sulla pietà per così pensare questioni cruciali per il nostro tempo come l’appartenenza, la comunità, l’amicizia, l’ospitalità, il sentire. 


Paraules clau


ospitalità; pietà; estetico

Text complet:

PDF (Italiano)

Enllaços refback

  • No hi ha cap enllaç refback.


Copyright (c) 2019 Pina De Luca


El disseny de la revista (en versió digital i en paper) i les aportacions artístiques de la mateixa
es deuen als professors de la facultat de Belles Arts de la Universitat de Barcelona,
Marta Negre, Quim Cantalozella i Jordi Morell

RCUB RCUB Declaració ètica Avís Legal Centre de Recursos per a l'Aprenentatge i la Investigació Universitat de Barcelona